Margherita Graglia


psicoterapeuta e formatrice

Psicoterapeuta, formatrice e saggista

Laureata in Psicologia clinica all'Università di Torino.
Iscritta all'albo degli psicologi della Regione Emilia Romagna n. 2910 sez. A e all'albo dei sessuologi del CIS (Centro Italiano di Sessuologia) e della FISS (Federazione Italiana Sessuologia Scientifica).
Specializzata in psicoterapia ad indirizzo costruttivista. Svolge l'attività di psicoterapeuta e sessuologa clinica a Reggio Emilia e Torino.

Affianca all'attività clinica quella di formatrice e consulente presso Università, Scuole di Specialità, Scuole di primo e secondo grado, Aziende USL ed Enti Pubblici sui temi dell'identità sessuale, in particolare su come contrastare l'omonegatività sociale e promuovere l'inclusione delle persone LGBT.

È coordinatrice del "Tavolo interistituzionale per il contrasto all'omotransnegatività e per l'inclusione delle persone LGBT" del Comune di Reggio Emilia; docente della Scuola di Specializzazione, riconosciuta dal MIUR, in "Psicoterapia dello sviluppo e dell'adolescenza" di Reggio Emilia, Brescia e Trento; didatta e consigliere del CIS (Centro Italiano di Sessuologia).

Dal 2014 al 2016 ha partecipato, come coordinatrice del team formativo e come docente, alla "Strategia Nazionale LGBT per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere" dell'UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) presso il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri(Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziale presso il Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri). In tale progetto sono state formate le figure apicali delle Forze dell’ordine, delle Pubbliche Amministrazioni e i dirigenti scolastici regionali.

Ha organizzato e condotto in varie sedi italiane i seguenti corsi di formazione: "I servizi socio-sanitari e l'orientamento sessuale degli utenti" rivolto a operatori psico-socio-sanitari; "L'identità sessuale in età evolutiva" rivolto ai pediatri e medici di base; "Educare al rispetto" rivolto agli insegnanti per contrastare il bullismo omofobico; "Le Nuove Famiglie: la scuola, le famiglie, gli insegnanti" rivolto agli educatori della scuola primaria per promuovere l'integrazione dei bambini che crescono in famiglie omogenitoriali; "Stereotipi di genere e contrasto alla violenza sulle donne" rivolto agli educatori della scuola primaria; "I contesti lavorativi: come creare luoghi di lavoro inclusivi" rivolto ai dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni e delle Aziende private.

Ha partecipato a vari progetti europei sui temi dell'inclusione e delle differenze di orientamento sessuale e di identità di genere, ad esempio nel 2001 a Be Equal Be Different sull'applicazione dell'art. 13 del Trattato di Amsterdam; nel 2002 a Triangle (Transfer of information to combat discrimination against gays and lesbians in Europe); nel 2006 Schoolmates (Train the trainers to address and prevent violence against homosexual adolescents in school); nel 2010 ad AHEAD (Against Homophobia European local Administration Devices); nel 2014 a JCVG (Youth can end gender violence).

Ha collaborato, a partire dal 2005, con l'Università di Bologna, Facoltà di Psicologia, e dal 2014 al 2019 con l'Università di Genova, Facoltà di Medicina.

Ha collaborato con il servizio LGBT del comune di Torino per la formazione dei dipendenti pubblici nel biennio 2007/2008 e nel 2014/2016.

È stata consigliere dell’International Boarding di GALE (Global Alliance on LGBT Education) dal 2006 al 2010.

Ha partecipato nel 2007 al progetto di ricerca intervento finanziato dall'Istituto Superiore di Sanità: Progettazione e sperimentazione di percorsi formativi innovativi per operatori psico-socio-sanitari, sperimentando percorsi formativi in varie ASL sui temi dell'identità sessuale.

Ha fatto parte nel 2005 dell'èquipe di Modi Di. Ricerca nazionale sulla salute di lesbiche, gay e bisessuali (progetto finanziato dall'Istituto Superiore di Sanità all'interno del V Programma nazionale di ricerca sull'AIDS).

Nel 2003 è stata Consulente tecnico del Ministero Pari Opportunità per il gruppo di studio Sessualità, discriminazioni e integrazione sociale.

A partire dalla fine degli anni '90 ha organizzato e condotto i corsi di formazione rivolti agli insegnanti, dal titolo Educazione socio-affettiva sui temi dell'identità sessuale, autorizzati dal MIUR consecutivamente per tre anni scolastici ai sensi della Direttiva n. 90 del 1° Dicembre 2003.

È componente del comitato scientifico della Rivista di sessuologia.

E' autrice per le edizioni Carocci di Le differenze di sesso, genere e orientamento (2019), Omofobia. Strumenti di analisi e di intervento (2012), Psicoterapia e omosessualità (2009) e di altre pubblicazioni scientifiche.